geografia,  Portogallo,  vino,  viticoltura

Portogallo: un paese ricco di vini da scoprire

Il Portogallo è famoso per il suo clima mite, la sua cultura, la sua gastronomia e, naturalmente, i suoi vini. Ma quanto ne sai davvero di questo paese e delle sue diverse regioni vitivinicole? In questo articolo, ti porteremo alla scoperta del Portogallo e dei suoi vini, raccontandoti la loro storia, il loro terroir, i loro vitigni, i loro stili e i loro abbinamenti. Ti assicuriamo che rimarrai sorpreso dalla varietà e dalla qualità dei vini portoghesi, che non hanno nulla da invidiare a quelli di altre nazioni più note.

La storia del vino portoghese

Il vino portoghese ha origini antichissime, che risalgono al tempo dei Fenici, dei Greci e dei Romani, che introdussero la coltivazione della vite nel territorio. Nel Medioevo, il vino portoghese ebbe un grande sviluppo grazie ai rapporti commerciali con l’Inghilterra, che ne apprezzava soprattutto i vini fortificati, come il Porto e il Madeira. Nel XVIII secolo, il Portogallo fu il primo paese al mondo a creare una denominazione di origine controllata, la Região Demarcada do Douro, per garantire la qualità e l’autenticità dei suoi vini. Nel XX secolo, il vino portoghese dovette affrontare diverse sfide, come la fillossera, la dittatura, la concorrenza internazionale e la crisi economica. Tuttavia, grazie alla passione e alla determinazione dei suoi produttori, il vino portoghese riuscì a rinnovarsi e a conquistare nuovi mercati, mostrando la sua ricchezza e la sua diversità.

Il clima e il terroir del Portogallo

Nonostante non sia un paese particolarmente esteso, il Portogallo ha tuttavia una vasta gamma di climi diversi. L’influenza più importante è, ovviamente, quella dell’Oceano Atlantico, per cui il clima dominante per gran parte del paese risulta essere quello marittimo, con temperature fresche o moderate ed una contenuta escursione termica annuale tra la stagione calda e quella fredda, mentre le piogge tendono ad essere abbastanza ben distribuite durante l’anno. Tuttavia, in molti vigneti dell’entroterra il clima si presenta caldo, secco e continentale. In alcune regioni l’altitudine può aiutare a mitigare le temperature molto elevate. Le grandi differenze nella temperatura media annuale spiegano in parte la diversità degli stili di vino presenti in Portogallo.

Il terroir del Portogallo è altrettanto vario, con una grande diversità di suoli, altitudini, esposizioni e microclimi. Si possono distinguere tre macro-aree vitivinicole: il nord, il centro e il sud. Il nord è la zona più fresca e umida, con suoli granitici e scistosi, dove si producono vini bianchi e rossi di grande acidità e freschezza. Il centro è la zona più calda e secca, con suoli calcarei e argillosi, dove si producono vini rossi corposi e strutturati e vini bianchi aromatici e fruttati. Il sud è la zona più influenzata dall’Oceano Atlantico, con suoli sabbiosi e salini, dove si producono vini bianchi e rossi leggeri e delicati, oltre ai famosi vini fortificati.

Le regioni vitivinicole del Portogallo

Il Portogallo conta varie regioni vitivinicole, ognuna con le sue caratteristiche e le sue denominazioni. Ecco una breve descrizione di ciascuna di esse:

  • Vinho Verde: è la regione più settentrionale e più verde del Portogallo, dove si producono vini bianchi, rossi e rosati, spesso frizzanti, con una bassa gradazione alcolica e una forte acidità. I vitigni principali sono l’Alvarinho, il Loureiro, il Trajadura, l’Azal, l’Arinto, il Vinhão e l’Espadeiro.
  • Douro: è la regione più antica e più famosa del Portogallo, dove si produce il celebre vino fortificato Porto, ma anche vini rossi e bianchi di grande qualità e personalità. I vitigni principali sono il Touriga Nacional, il Touriga Franca, il Tinta Roriz, il Tinta Barroca, il Tinto Cão, il Sousão, il Rabigato, il Gouveio, il Viosinho e il Malvasia Fina.
  • Dão: è la regione più montuosa e più continentale del Portogallo, dove si producono vini rossi e bianchi eleganti e longevi, con una buona struttura e una buona acidità. I vitigni principali sono il Touriga Nacional, il Tinta Roriz, l’Alfrocheiro, il Jaen, l’Encruzado, o Bical e o Cercial.
  • Bairrada: è la regione più vicina all’Oceano Atlantico, dove si producono vini rossi e bianchi di carattere, con una buona freschezza e una buona mineralità, oltre a vini spumanti di qualità. I vitigni principali sono la Baga, il Touriga Nacional, il Merlot, il Cabernet Sauvignon, o Arinto, o Bical, o Maria Gomes e o Chardonnay.
  • Beira Interior: è la regione più interna e più arida del Portogallo, dove si producono vini rossi e bianchi di buona intensità e concentrazione, con una buona capacità di invecchiamento. I vitigni principali sono il Rufete, il Touriga Nacional, il Tinta Roriz, il Trincadeira, o Síria, o Fonte Cal e o Arinto.
  • Lisboa: è la regione che comprende la capitale portoghese e le sue zone limitrofe, dove si producono vini rossi e bianchi di vario stile e qualità, da quelli più semplici e fruttati a quelli più complessi e strutturati. I vitigni principali sono il Touriga Nacional, il Tinta Roriz, il Castelão, o Fernão Pires, o Arinto, o Malvasia e o Chardonnay.
  • Tejo: è la regione attraversata dal fiume Tago, dove si producono vini rossi e bianchi equilibrati e armoniosi, con una buona espressione fruttata e floreale. I vitigni principali sono il Touriga Nacional, il Trincadeira, o Castelão, o Fernão Pires, o Arinto, o Alvarinho e o Chardonnay.
  • Península de Setúbal: è la regione situata a sud di Lisbona, dove si producono vini rossi e bianchi di buona intensità e persistenza, oltre al famoso vino fortificato Moscatel de Setúbal. I vitigni principali sono il Castelão, il Touriga Nacional, il Syrah, o Moscatel de Setúbal, o Fernão Pires e o Arinto.
  • Alentejo: è la regione più estesa e più calda del Portogallo, dove si producono vini rossi e bianchi di grande corpo e potenza, con una buona espressione aromatica e una buona morbidezza. I vitigni principali sono il Trincadeira, o Aragonez, o Alicante Bouschet, o Antão Vaz, o Roupeiro e o Arinto.
  • Algarve: è la regione più meridionale e più turistica del Portogallo, dove si producono vini rossi e bianchi di facile beva e piacevolezza, con una buona freschezza e una buona fruttosità. I vitigni principali sono il Castelão, o Negra Mole, o Syrah, o Arinto, o Síria e o Chardonnay.
  • Madeira: è la regione insulare situata nell’Oceano Atlantico, dove si produce il rinomato vino fortificato Madeira, ma anche vini rossi e bianchi di buona qualità e originalità. I vitigni principali sono il Sercial, o Verdelho, o Boal, o Malvasia, o Tinta Negra e o Terrantez.
  • Açores: è la regione insulare situata nell’Oceano Atlantico, dove si producono vini rossi e bianchi di grande tipicità e originalità, con una forte mineralità e una buona acidità. I vitigni principali sono il Verdelho, o Arinto dos Açores, o Terrantez do Pico, o Saborinho, o Castelão e o Merlot.
  • Porto Santo: è la regione insulare situata nell’Oceano Atlantico, dove si produce un vino bianco dolce e liquoroso, chiamato Vinho do Porto Santo, ottenuto da uve appassite al sole. Il vitigno principale è il Malvasia.

I vitigni portoghesi

Il Portogallo è uno dei paesi con la maggiore biodiversità viticola al mondo, con oltre 250 varietà autoctone, molte delle quali uniche e irripetibili. Questa ricchezza è dovuta alla lunga storia vitivinicola del paese, alla sua posizione geografica, alla sua morfologia e al suo clima. I vitigni portoghesi sono in grado di esprimere al meglio il terroir di provenienza, dando vita a vini di grande carattere e personalità. Tra i vitigni portoghesi più importanti e diffusi, possiamo citare:

  • Touriga Nacional: è il vitigno rosso più prestigioso e più rappresentativo del Portogallo, presente in quasi tutte le regioni vitivinicole. È un vitigno di bassa resa e di alta qualità, che dà origine a vini rossi intensi e profondi, con aromi di frutti neri, fiori, spezie e balsamici, con una buona struttura, una buona acidità e una buona capacità di invecchiamento. È il vitigno base per la produzione del Porto e di molti vini rossi del Douro e del Dão.
  • Tinta Roriz: è il vitigno rosso più coltivato in Portogallo, conosciuto anche come Aragonez o Tempranillo. È un vitigno versatile e adattabile, che dà origine a vini rossi di media intensità e corpo, con aromi di frutti rossi, prugna, ciliegia, erbe e cuoio, con una buona morbidezza e una buona persistenza. È il vitigno base per la produzione di molti vini rossi del Douro, del Dão, del Tejo e dell’Alentejo.
  • Trincadeira: è il vitigno rosso più tipico dell’Alentejo, dove è conosciuto anche come Tinta Amarela. È un vitigno sensibile e delicato, che dà origine a vini rossi di buona intensità e colore, con aromi di frutti rossi, fiori, spezie e vegetali, con una buona acidità e una buona tannicità. È il vitigno base per la produzione di molti vini rossi dell’Alentejo e del Tejo.
  • Baga: è il vitigno rosso più emblematico della Bairrada, dove è conosciuto anche come Poeirinho. È un vitigno di alta resa e di alta qualità, che dà origine a vini rossi di grande intensità e colore, con aromi di frutti neri, sottobosco, terra, tabacco e cioccolato, con una buona struttura, una buona acidità e una buona tannicità. È il vitigno base per la produzione di molti vini rossi e spumanti della Bairrada.
  • Castelão: è il vitigno rosso più diffuso nella Penisola di Setúbal, dove è conosciuto anche come Periquita. È un vitigno rustico e resistente, che dà origine a vini rossi di media intensità e colore, con aromi di frutti rossi, fiori, spezie e miele, con una buona morbidezza e una buona persistenza. È il vitigno base per la produzione di molti vini rossi della Penisola di Setúbal e dell’Algarve.
  • Alvarinho: è il vitigno bianco più famoso e più apprezzato del Portogallo, presente soprattutto nella regione del Vinho Verde. È un vitigno di bassa resa e di alta qualità, che dà origine a vini bianchi di grande intensità e profumo, con aromi di frutti tropicali, agrumi, fiori e minerali, con una buona struttura, una buona acidità e una buona persistenza. È il vitigno base per la produzione di molti vini bianchi e spumanti del Vinho Verde e del Tejo.
  • Arinto: è il vitigno bianco più versatile e più coltivato in Portogallo, presente in quasi tutte le regioni vitivinicole. È un vitigno adattabile e produttivo, che dà origine a vini bianchi di media intensità e profumo, con aromi di frutti verdi, agrumi, fiori e minerali, con una buona freschezza, una buona acidità e una buona persistenza. È il vitigno base per la produzione di molti vini bianchi e spumanti del Vinho Verde, del Douro, del Dão, del Tejo, della Penisola di Setúbal e dell’Alentejo.
  • Encruzado: è il vitigno bianco più elegante e più raffinato del Portogallo, presente soprattutto nella regione del Dão. È un vitigno di bassa resa e di alta qualità, che dà origine a vini bianchi di grande intensità e profumo, con aromi di frutti bianchi, fiori, miele e tostati, con una buona struttura, una buona acidità e una buona capacità di invecchiamento. È il vitigno base per la produzione di molti vini bianchi del Dão e del Beira Interior.
  • Antão Vaz: è il vitigno bianco più tipico e più espressivo dell’Alentejo, dove è conosciuto anche come Antão Vaz do Alentejo. È un vitigno vigoroso e produttivo, che dà origine a vini bianchi di buona intensità e profumo, con aromi di frutti tropicali, agrumi, fiori e minerali, con una buona struttura, una buona morbidezza e una buona persistenza. È il vitigno base per la produzione di molti vini bianchi dell’Alentejo.

Gli stili di produzione dei vini portoghesi

Il Portogallo è un paese che offre una grande varietà di stili di produzione dei vini, che spaziano dai vini tranquilli ai vini frizzanti, dai vini fortificati ai vini passiti, dai vini giovani ai vini invecchiati. Tra gli stili di produzione dei vini portoghesi più importanti e distintivi, possiamo citare:

  • Vinho Verde: è lo stile di produzione tipico della regione omonima, che consiste nella produzione di vini bianchi, rossi e rosati, spesso frizzanti, con una bassa gradazione alcolica e una forte acidità, ottenuti da uve raccolte precocemente e vinificate in modo da preservare la loro freschezza e la loro vivacità. I vini verdi sono vini ideali per l’aperitivo e per accompagnare piatti leggeri e sfiziosi, come i frutti di mare, il pesce, le insalate e i formaggi freschi.
  • Porto: è lo stile di produzione più famoso e più prestigioso del Portogallo, che consiste nella produzione di vini fortificati, con una gradazione alcolica di circa 20%, ottenuti da uve raccolte nel Douro e vinificate in modo da interrompere la fermentazione alcolica con l’aggiunta di acquavite di vino, in modo da conservare una parte dello zucchero residuo e di aumentare la concentrazione alcolica. I vini di Porto sono vini che possono essere invecchiati in botti di legno o in bottiglie di vetro, a seconda dello stile desiderato, e che possono assumere diversi colori e aromi, a seconda delle uve utilizzate, del tempo di invecchiamento e del tipo di legno. I vini di Porto sono vini ideali per il dessert e per accompagnare formaggi stagionati, frutta secca e cioccolato.
  • Madeira: è lo stile di produzione tipico della regione omonima, che consiste nella produzione di vini fortificati, con una gradazione alcolica di circa 18%, ottenuti da uve raccolte nelle isole di Madeira e vinificate in modo da sottoporle a un processo di ossidazione e di riscaldamento, chiamato estufagem, che conferisce ai vini un colore ambrato e degli aromi di frutta candita, caramello, noci e spezie. I vini di Madeira sono vini che possono essere invecchiati anche per decenni senza perdere la loro qualità e la loro freschezza. I vini di Madeira sono vini versatili e gastronomici, e possono accompagnare sia piatti salati che dolci, come il pesce, la carne, il formaggio, il miele e i dolci.
  • Moscatel de Setúbal: è lo stile di produzione tipico della regione della Penisola di Setúbal, che consiste nella produzione di vini fortificati, con una gradazione alcolica di circa 17%, ottenuti da uve di Moscatel de Setúbal, una varietà di Moscato, raccolte nella zona di Setúbal e vinificate in modo da interrompere la fermentazione alcolica con l’aggiunta di acquavite di vino, in modo da conservare una parte dello zucchero residuo e di esaltare gli aromi tipici del vitigno. I vini di Moscatel de Setúbal sono vini che possono essere invecchiati in botti di legno o in bottiglie di vetro, a seconda dello stile desiderato, e che presentano un colore dorato e degli aromi di frutta esotica, fiori, miele e arancia. I vini di Moscatel de Setúbal sono vini dolci e profumati, che possono accompagnare dolci a base di frutta, crema o cioccolato, o essere serviti come aperitivo o digestivo.
  • Vinho do Porto Santo: è lo stile di produzione tipico della regione di Porto Santo, che consiste nella produzione di vini bianchi dolci e liquorosi, con una gradazione alcolica di circa 16%, ottenuti da uve di Malvasia, raccolte nell’isola di Porto Santo e sottoposte a un processo di appassimento al sole, che conferisce ai vini un colore ambrato e degli aromi di frutta secca, miele e spezie. I vini di Porto Santo sono vini che possono essere invecchiati in botti di legno o in bottiglie di vetro, a seconda dello stile desiderato, e che presentano una buona struttura, una buona dolcezza e una buona acidità. I vini di Porto Santo sono vini ideali per il dessert e per accompagnare formaggi stagionati, frutta secca e dolci a base di mandorle o noci.

Gli abbinamenti migliori con il cibo

Il Portogallo è un paese che offre una grande varietà di piatti tipici e tradizionali, che si basano principalmente su ingredienti come il pesce, la carne, il riso, le patate, le verdure, il pane, l’olio, l’aglio, le erbe aromatiche e le spezie. La cucina portoghese è una cucina semplice ma saporita, che si sposa perfettamente con i vini portoghesi, creando degli abbinamenti armoniosi e gustosi. Tra gli abbinamenti migliori con il cibo, possiamo citare:

  • Bacalhau à Brás: è un piatto a base di baccalà sminuzzato, patate fritte, uova, cipolle, prezzemolo e olive, tipico della regione di Lisbona. Si abbina bene con un vino bianco fresco e fruttato, come un Vinho Verde di Alvarinho o un Tejo di Arinto.
  • Caldeirada de peixe: è un piatto a base di pesce misto, patate, pomodori, peperoni, cipolle, aglio, olio, vino bianco, alloro e coriandolo, tipico della regione dell’Algarve. Si abbina bene con un vino bianco aromatico e minerale, come un Douro di Rabigato o un Dão di Encruzado.
  • Cozido à portuguesa: è un piatto a base di carne di maiale, manzo, pollo, salsicce, cavolo, carote, patate, riso e pane, tipico della regione del Minho. Si abbina bene con un vino rosso corposo e strutturato, come un Douro di Touriga Nacional o un Alentejo di Trincadeira.
  • Leitão à Bairrada: è un piatto a base di maialino da latte arrostito, servito con patate, insalata e salsa piccante, tipico della regione della Bairrada. Si abbina bene con un vino rosso di carattere e tannico, come un Bairrada di Baga o un Dão di Jaen.
  • Arroz de pato: è un piatto a base di riso, anatra, salsicce, bacon, cipolle, aglio, vino rosso, alloro e chiodi di garofano, tipico della regione del Centro. Si abbina bene con un vino rosso equilibrato e persistente, come un Tejo di Tinta Roriz o un Lisboa di Castelão.
  • Pastéis de nata: sono dei dolcetti a base di pasta sfoglia, crema pasticcera, zucchero e cannella, tipici della regione di Lisbona. Si abbinano bene con un vino fortificato dolce e profumato, come un Moscatel de Setúbal o un Madeira di Malvasia.

Conclusione

Il Portogallo è un paese che merita di essere conosciuto e apprezzato per la sua cultura, la sua storia, la sua gastronomia e, soprattutto, i suoi vini. I vini portoghesi sono vini che esprimono al meglio il terroir, la tradizione e l’innovazione di questo paese, offrendo una grande varietà di stili, di aromi e di sensazioni. I vini portoghesi sono vini che possono accompagnare ogni occasione, ogni piatto e ogni momento, regalando sempre delle emozioni uniche e indimenticabili.

Speriamo che questo articolo ti sia piaciuto e ti abbia fatto scoprire qualcosa di nuovo sul Portogallo e i suoi vini. Se hai dei commenti, delle domande o delle esperienze da condividere, non esitare a lasciare un messaggio qui sotto. Ti risponderemo al più presto. Grazie per averci letto e alla prossima! 😊

Foto: vigneti terrazzati sul fiume Douro (foto di Ramiro– da Pixabay)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *